Menù
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
Cerca per ARTISTA
Cerca per STRUMENTO
DISCHI PREMIATI
Le LINEE EDITORIALI
PUNTI VENDITA
Rassegna Stampa LABEL
• JAZZIT AWARD 2013
• TOP JAZZ 2013

Categorie
1. Catalogo DODICILUNE
2. Catalogo KOINE'
3. Catalogo FONOSFERE
4. Catalogo CONTROVENTO
5. Catalogo CONFINI
6. Catalogo WYSIWYG
7. SPECIAL PRICE
8. VINILE
9. FLAC ALTA RISOLUZIONE

CERCA
inserisci una parola:
 
 
     

offerte

VITO LITURRI TRIO - FROM BEYOND



Prezzo*: € 12,90 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

• PLAYER & DIGITAL DOWNLOAD


• PRESSRELEASE
Esce il 21 novembre "From Beyond" il secondo lavoro discografico per la Dodicilune (dopo "After The Storm" del 2014) del pianista e compositore Vito Liturri con il suo trio con Marco Boccia al contrabbasso e Lello Patruno alla batteria.

Nel concepire un’opera seconda, il primo impulso può essere il replicare una formula già collaudata. Noi abbiamo deciso di fare esattamente il contrario, sviluppando il lato più visionario del primo album e portandone avanti la sperimentazione armonica e timbrica. Ne risulta un lavoro sfaccettato e unitario allo stesso tempo, in cui i punti di arrivo e di riposo dati dalle cadenze tonali vengono sistematicamente evitati, nel tentativo di creare una musica imprevedibile e dai contorni sfuggenti, che alluda a una dimensione “altra” rispetto a quella quotidiana. Le strutture della tradizione non vengono totalmente abbandonate, ma piuttosto private delle loro caratteristiche di simmetria e della loro punteggiatura; “Rassicuratevi, l’opera è proprio costruita; ma cercherete invano le colonne – io infatti le ho tolte”, affermava Debussy a proposito del Prélude à l’après-midi d’un faune. La citazione lovecraftiana del titolo funziona da pura suggestione per un flusso musicale in cui le esperienze e i colori si accumulano progressivamente, e che, come già nel primo disco, andrebbe ascoltato dall’inizio alla fine, pur nella autonomia dei singoli brani. Altro fondamentale elemento di continuità, rispetto all’opera prima, è il lavoro sul suono e sull’interplay, che rende il Trio, inteso come entità unitaria e riconoscibile, il vero protagonista del lavoro.Vito Liturri
   
“When conceiving a second album, the first impulse could be to replicate a formula already tested. We have decided to do exactly the opposite, developing the most visionary side of our first work, bringing forward its harmonic and timbric experimentation. The result is a multi-faceted yet unitary work, in which the points of arrival and rest given by the tonal cadences are systematically avoided, in an attempt to create unpredictable music with fleeting outlines, hinting at a dimension removed from reality. The traditional structures are not completely abandoned, but rather deprived of their characteristics of symmetry and of their punctuation; “Don’t worry, the work is properly constructed; but you will be looking in vain for its columns – in fact, I have removed them”, said Debussy about the Prélude à l’après-midi d’un faune. The lovecraftian quote of the title works as pure suggestion for a musical flow in which the experiences and the colours accumulate gradually, therefore this record, just like the first one, should be listened to from beginning to end, despite the autonomy of each single track. The other essential element of continuity is the work on sound and on the interplay, which makes the Trio, seen as an unitary and recognisable entity, the real protagonist.” Vito Liturri

• BIO

Vito Liturri - È titolare della cattedra di Composizione presso il Conservatorio “E. R. Duni” di Matera. Si è diplomato in Composizione e in Direzione d'Orchestra presso il Conservatorio “N. Piccini” di Bari. Sue composizioni sono state incise per le etichette “Rugginenti” (Milano) e “CM Classic” (Bari) e pubblicate dalle edizioni musicali “Carrara” (Bergamo) e “Sorriso” (Bari); sono, inoltre, state eseguite in rassegne e concerti di musica contemporanea in Italia e all’estero. Si è accostato al jazz sotto la guida di Nico Marziliano e ha frequentato, successivamente, i corsi di perfezionamento di Siena Jazz. Ha suonato, tra gli altri, con Franco Cerri, Guy e gli Specialisti e l’ensemble Suoni Visionari di Felice Mezzina. Interessato al teatro e all'interazione della musica con altre forme espressive, ha collaborato, tra gli altri, con gli attori Emilio Solfrizzi, Antonio Stornaiolo e Leopoldo Mastelloni; è, inoltre, uno dei fondatori della Compagnia Teatro Prisma.

Marco Boccia - Musicista eclettico. Da oltre vent’anni esplora gli aspetti più diversi della musica. Diplomato in contrabbasso presso il conservatorio “N. Piccini” di Bari, si è perfezionato con i più importanti esponenti del suo strumento sia in ambito classico che in quello jazzistico. Dalle sue collaborazioni emerge la trasversalità delle esperienze, passando da Uto Ughi a Franco Cerri, da Riccardo Muti a Tiziana Ghiglioni, dalle Orchestre sinfoniche della Provincia di Bari e Lecce a gruppi jazz di cui è fondatore o sideman, fino ai suoi progetti in diverse formazioni in Italia, in Francia e in Germania. Intensa l’attività didattica in scuole di tutta Italia. La sua discografia spazia dalla musica classica al jazz. Nel 2010 pubblica: “Il basso, teoria e prassi” per la Florestano editore. È endorser Cort e suona un GB74. È uno dei fondatori della Compagnia Teatro Prisma. Ha pubblicato il CD “In the Park” per l’etichetta Alfa Music.

Lello Patruno – Ha studiato Strumenti a Percussione presso il Conservatorio di Musica "N. Piccinni" (rinominato “N. Rota”) di Monopoli sotto la guida del M.° Vincenzo Mazzone. Contemporaneamente e successivamente studia batteria, musica jazz, percussioni, computer music ed elettronica con Maurizio Dei Lazzaretti, Roberto Gatto, Walter Calloni, Stefano Cerri, Christian Meyer, "Bombul", Pino e Pietro Iodice, Peter Erskine, Israel Varela ecc. Si diploma in Strumenti a Percussione presso il conservatorio di musica "U. Giordano" di Foggia. Suona e incide in qualità di batterista, timpanista, percussionista con artisti di fama internazionale (classica, jazz e pop) tra i quali Marcos Vinicius, Stelvio Cipriani, Luis Bacalov, Michele Lomuto, Emanuele Cisi, Gaetano Partipilo, Fabrizio Scarafile, Alex Milella, Franco Cerri, Lino Patruno, Marco Tamburini, Luca Alemanno, Kekko Fornarelli, Antonio Da Costa, Tony Esposito, Mario Rosini, Tosca, Dajana, Black and Blues, Keccorè, Wanted Chorus, Camillo Pace ecc.


• TRACKLIST
  1) Il Giardino delle Albe
  2) The Black Temple
  3) Timeless Grace
From Beyond - suite in quattro quadri
  - 4) Prelude
  - 5) From Beyond
  - 6) Interlude
  - 7) Beyond
  8) La Luna, il Riverbero e...
  9) Just a Dreamer
10) Una Stanza Vuota

• COMPOSITIONS BY
All compositions by Vito Liturri except 3 by Raffaele Patruno; 6 by Vito Liturri, Marco Boccia, Raffaele Patruno; (Dodicilune edizioni)  

• PERSONNEL
Vito Liturri, piano, digital piano, synth, electronics
Marco Boccia, double bass
Lello Patruno, drums, percussions

• PRODUCTION DATA
Total time 52:57 STEREO DDD
p 2017 DODICILUNE (Italy)
CD DODICILUNE DISCHI Ed389
8033309693897

• RECORDING DATA
Produced by Vito Liturri and Gabriele Rampino for Dodicilune edizioni, Italy
Label manager Maurizio Bizzochetti (www.dodicilune.it)
Recorded December 2016 at Suonimpressi Rec Lab, Gioia del Colle (Ba), Italy
Mixed and mastered January 2017 at Suonimpressi Rec Lab, Gioia del Colle (Ba), Italy
Sound engineer Claudio Van Westerhout
Cover photo Manuela Grasso, Photos by Milena Pesole
Liner notes english translation by Francesca Galiano
Contact: vitoliturritrio@gmail.com

• VIDEO
From Beyond (extract)

• RASSEGNA STAMPA
ITALIAINJAZZ
COOLCLUB



Prodotti correlati
VITO LITURRI TRIO - After the Storm




Torna alla homepage




CARRELLO DELLA SPESA
  sono presenti
0 prodotti
 
     

Login

NEWSLETTER
inserisci la tua email:
 
 
     

Novità